Festival-laboratori palascianiani di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia:
1. IL LABORATORIO MUSICALE DI MARCO PALASCIANO, IV edizione di Toccata e fuga. Incontri musicali intorno a un pianoforte in transito (2009)
2. LA GRANDE RUOTA DELLE UMANE COSE (De magna rota rerum humanarum)
(2010)
3. DE NATURA MUNDI. L'interpretazione del mondo in ottanta giorni
(2011)
4. EURISTICON. Le nozze di Ragione e Fantasia
(2012)
5. ARCA ARCANORUM.
Nuovo laboratorio euristico di filosofia, arti varie, gioco e umana armonia (2013)
6. URNA MARIS BAROCCA (Arca Arcanorum bis).
Nuovo festival capuano di scienza, filosofia, gioco e poesia (2013)
7. ENCYCLOPÆDIA CŒLESTIS.
Novissimo laboratorio euristico di filosofia, arti varie, gioco e umana armonia (2014)
8. LE 77 MERAVIGLIE DELL'OTTOCENTO PALASCIANIANO. Novissimo festival capuano di scienza, filosofia, gioco e poesia (2015)
9. MAIEUTICON. Festival-laboratorio palascianiano n. 9 di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia (2016)

20 settembre 2016

Festa della poesia: la locandina

Festa della poesia, buffet compreso

L'Accademia Palasciania e l'associazione Il Mandala
presentano la sesta edizione in Terra di Lavoro
dell’evento mondiale

IL PAESE DAL SOLE-FATA
ovvero, anagrammando,
LA FESTA DELLA POESIA

Il Mandala
(Sant'Antimo, via Romania 2)
sabato 24 settembre
ore 18.00
INGRESSO LIBERO

Centinaia di città in tutto il mondo, tra cui Sant’Antimo per il casertano, il primo sabato d’autunno saranno unite da una grande festa: la sesta edizione di One Hundred Thousand Poets for Change (Centomila poeti per il cambiamento).

Per l’occasione l’Accademia Palasciania, già organizzatrice delle prime cinque edizioni in Terra di Lavoro, presenta in collaborazione con l’associazione Il Mandala l’evento Il paese dal sole-fata ovvero, anagrammando, La festa della poesia.

Nella prima parte dell’incontro Marco Palasciano inaugurerà il diciannovesimo anno di attività dell’Accademia Palasciania declamando una selezione della propria produzione poetica 1976-2016, nonché presentando il programma di Maieuticon. Festival-laboratorio palascianiano n. 9 di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia, che si terrà a Capua in nove puntate settimanali a partire dal 9 ottobre.

Nella seconda parte si avvicenderanno al leggio tutti coloro che lo desidereranno. Portate una o piú poesie, vostre o dei vostri poeti preferiti, e potrete declamarle o farle declamare.

Portate inoltre, se gradite restare a cena, un contributo in cibo e bevande secondo le vostre possibilità: l’incontro sarà infatti completato da un buffet comunitario.

14 settembre 2016

Il decennale d'un desueto sito

14 settembre 2016: il forum Prove tecniche di episteme compie dieci anni. Poco importa, considerato che già un paio d'anni dopo la sua apertura era caduto in disuso e in disgrazia, colpo di grazia la fondazione del ben più aulico e pimpante Blog dell'Accademia Palasciania. Ma resta il suo primato: il primo sito web palascianiano della storia! Un pensiero affettuoso dunque merita, pur se in ritardo e tinto dei colori dell'accidia più neghittosa e onusta di zavorra. Ossequi alati come l'albatro bodleriano, caro www.episteme.forumcommunity.net!

Il logo del forum. Le lettere in apice e in pedice compongono il paratitolo Recite poetiche.

7 settembre 2016

«Sé stesso»: l'argomento conclusivo

Recentemente, in Facebook, è stato domandato al nostro Presidente perché scrivere «sé stesso» e non «se stesso». Riportiamo la sua risposta alata:
Perché ll Sé è sacro, in quanto cuore dell'essere e unica certezza, ergo è sacrilego avere dubbi sul Sé; e «se» esprime dubbio; ergo togliere l'accento a «sé» e renderlo uguale a un «se» è atto blasfemo, orripilante, intollerabile. Ciò relativamente almeno alla mia sensibilità di poeta filosofo; poi i banausici e gli acusmatici facciano come vogliono, sapendo tuttavia che castrando quella «e» incorreranno nella più rigida e frigida riprovazione mia e dell'Accademia Palasciania tutta.
(Quanto all'altre Accademie, ovemai il lor parere interessàssevi, cliccare qui per quello della Crusca.)

11 luglio 2016

L'ottava antologia per Palasciano

Un racconto di Marco Palasciano del 2010, Mentre l'Eurasia esplode (alla cui trama si accennava qui), è stato or ora pubblicato nell'antologia colettanea Terre di lavoro, primo numero della collana Amenofonema della casa editrice Artetetra.


Cogliamo l'occasione per stilare l'elenco di tutte le antologie collettanee edite in volume cartaceo che contengano testi di Palasciano. Sono otto:

Una piazza per la poesia. Antologia 2007, a cura dell'Associazione culturale del Plebiscito, Il Portico, Napoli 2008, contiene la poesia Due mirabili terzine l'una anagramma dell'altra.

Mundus. Poesie per un'etica del rifiuto, a cura di Ariele D'Ambrosio e Mimmo Grasso, Valtrend, Napoli 2008, contiene la poesia Visita a una discarica illegale di ceneri tossiche nella campagna tra Napoli e Caserta.

Napoli per le strade, a cura di Massimiliano Palmese, Azimut, Roma 2009, contiene un frammento del diario di Palasciano intitolato Starobinski alle undici.

Se mi lasci non male. Penne d'amor perdute, a cura di Gianni Puca, Kairós, Napoli 2010, contiene il racconto Sù e giù per un vulcano addormentato.

Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0, a cura di Giancarlo Marino e Aldo Putignano, Homo Scrivens, Napoli 2012, contiene le schede Cristiana Carità e Pio Meo Di Cesare.

Petra narrat. Racconti maravigliosi delle pietre di Capua, a cura di Jolanda Capriglione e Antimo Cesaro, Artetetra, Capua 2015, contiene il racconto Per una via d'incontri straordinari.

Atti della Giornata di studi in onore di Ferdinando Palasciano nel bicentenario della nascita, Associazione Ferdinando Palasciano, Capua 2015, contiene il saggio Ferdinando Palasciano nella letteratura.

Terre di lavoro. Racconti dal presente, a cura di Marilena Lucente, Artetetra, Capua 2016, contiene il racconto Mentre l'Eurasia esplode.