12 febbraio 2017

L'Accademia diventa maggiorenne

Oggi, 12 febbraio 2017, sono diciotto anni giusti dall'avvio delle attività dell'Accademia Palasciania. Quel giorno del 1999 si tenne un volantinaggio, annunciante una raccolta firme pro salvaguardia di un sito archeologico minacciato da un cantiere (vedi qui TAV a Capua: tutta la storia), e nel contempo il nostro Presidente fu radiointervistato in Rai da Oliviero Beha. Di lì a un mese e dodici giorni fioriva il primo evento, il convegno Le opere archeologiche emerse nel territorio di Capua e il progetto TAV: commenti e controproposte. Seguirono il convegno in tre giornate Miraggi del progresso e città sepolte e poi, negli anni,
— tre laboratori teatrali sperimentali;
— le quattro edizioni del festival musicale Toccata e fuga;
— quattro collaborazioni e mezza al genetliaco leopardiano napoletano (vedi qui la «mezza», quella del 2016);
— sei edizioni locali dell’evento mondiale One Hundred Thousand Poets for Change (vedi qui per la sesta, Il paese dal sole-fata);
— le finora otto stagioni di lezioni-spettacolo sulla filosofia palascianiana, che assommate all'ibrida ultima edizione di Toccata e fuga fanno nove festival-laboratori palascianiani di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia (vedi qui per il nono, Maieuticon);
— le celebrazioni per il bicentenario della nascita di Ferdinando Palasciano;
— la coorganizzazione di Gli spazi della cultura e della fantasia (vedi qui);
— tante lecturæ Dantis;
— vari eventi letterari (tra cui la prima presentazione di Moresco in Campania); e altro ancora.

22 dicembre 2016

Un incontro in memoria di Eleonora

A un mese dalla scomparsa di Eleonora Carmelina Bellofiore, vedova Palasciano, il figlio Marco e i di lui migliori amici invitano quant'altri le vollero bene alla messa in memoria che si terrà nel Duomo di Capua venerdì 30 dicembre 2016 alle ore 18.00, con a seguire un incontro letterario in casa Palasciano-Bellofiore, dove si darà lettura di alcune poesie e pagine di diario.

30 novembre 2016

Qui si conclude il viaggio delle Muse

Comunicato stampa sulla puntata n. 9 di Maieuticon. Vi preghiamo di pubblicarlo ovunque; e grati vi saremo, in eterno e all'estremo.


Dopo due mesi di viaggio avventuroso tra fisica e metafisica, etica ed erotica, catàbasi e catarsi, essenziale ed evenemenziale, virtuosismo e variazionismo, dionisiaco, poesia lato sensu e spasso basso e crasso, giunge all'ultimo approdo la nave delle Muse rivisitate dall'Accademia Palasciania: domenica 11 dicembre alle ore 18.00 presso Palazzo della Gran Guardia (Capua, piazza dei Giudici 6), come sempre a ingresso gratuito, si terrà sotto il patrocinio di Callìope – musa delle opere mondo – la puntata n. 9 del festival-laboratorio palascianiano n. 9 di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia "Maieuticon" (titolo che oltre a rimandare alla maieutica socratica è l'acronimo di «Muse, Apollo, Istruiteci sull'Eterno e l'Umano; su Terra, Inferi, Cieli e l'Oscuro Noùmeno»).

L'incontro, godibile anche da chi non abbia partecipato ai precedenti, consisterà in una lezione-spettacolo di Marco Palasciano – integrata dai consueti momenti ludici con coinvolgimento del pubblico – intitolata "Sistema. Io voli in altezza e in plenitudine". Questo titolo è l'anagramma del sintagma che lo completa: "nella più totalizzante visione di insieme". Convergeranno qui, infatti, a chiudere la rete di "Maieuticon", tutti i multicolori fili dipanatisi nelle precedenti puntate, tre delle quali dedicate alle pulsioni umane (amore / orrore / riso), altre tre alle modalità cognitive che concorrono a costruire la nostra immagine del reale (empirìa / irrazionale / teoresi), e le ultime tre ai fondamenti della pratica narrativa ed espressiva in genere (contenuto / forma / sistema).

Il tutto a cura dell'Accademia Palasciania in collaborazione con le associazioni Architempo, Capuanova, Creso cultura e civiltà, il collettivo Komar e la Pro Loco di Capua. Per il resoconto delle centonove puntate dei festival-laboratori palascianiani 2009-2016, e gli annunci dei futuri, vedi palasciania.blogspot.it.

24 novembre 2016

Pochi temi, infinite variazioni

Comunicato stampa sulla puntata n. 8 di Maieuticon. Vi preghiamo di pubblicarlo ovunque; e grati vi saremo, in eterno e all'estremo.


"Maieuticon", festival-laboratorio palascianiano n. 9 di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia, giunge alla sua puntata n. 8, dedicata a Euterpe (musa del virtuosismo e del variazionismo) dunque alla molteplicità dei modi di elaborare i materiali del racconto, passando dalla inventio – argomento della precedente puntata – alla dispositio e alla elocutio, fino alla superfetatio e alla stupefactio. L'incontro, come sempre a ingresso gratuito, si terrà domenica 27 novembre alle ore 18.00 a Palazzo Fazio (Capua, via Seminario 10) e consisterà in una lezione-spettacolo di Marco Palasciano – arricchita da momenti di laboratorio teatrale, letterario e musicale – intitolata "Forma. Da sottolinearsi: l'arte è un gioco".

Questo titolo è l'anagramma di quello della puntata n. 7, "Contenuto. Falso ma reale (dati rigorosi)", tenutasi la scorsa settimana a Palazzo Lanza. La puntata n. 9 ed ultima si terrà invece a Palazzo della Gran Guardia, il 4 dicembre.

Il tutto a cura dell'Accademia Palasciania in collaborazione con le associazioni Architempo, Capuanova, Creso cultura e civiltà, il collettivo Komar e la Pro Loco di Capua. Per il programma completo di "Maieuticon", e gli annunci e resoconti delle puntate, vedi palasciania.blogspot.it. Per ulteriori informazioni contattare il 3479575971 o Palasciano in Facebook.

16 novembre 2016

COSA narrare? (Poi vedremo COME)

Comunicato stampa sulla puntata n. 7 di Maieuticon. Vi preghiamo di pubblicarlo ovunque; e grati vi saremo, in eterno e all'estremo.


Dall'inventario pedante all'invenzione alla Dante, dal minimalismo un po' brocco al mirificismo barocco, dall'esercizio di stile più giocondo al dare inizio a un'astrale opera mondo: consisterà in un «vero e improprio» laboratorio di scrittura – e, più latamente, di espressione dei propri pensieri ed emozioni – l'ultima triade di puntate di "Maieuticon", festival-laboratorio palascianiano n. 9 di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia. Concluse, infatti, le triadi sul mondo dell'emozione (amore, orrore, riso) e sul mondo del pensiero (empirìa, irrazionale, teoresi), è ora il turno di quella sul mondo del racconto (contenuto, forma, sistema).

La puntata n. 7 sarà dedicata a Clio, musa dell'essenziale e dell'evenemenziale. Fra i temi in gioco: A come Ambientazione, B come Biblioteca, C come Cronologia, D come Diario, E come Eroe, F come Fantasia. L'incontro, come sempre a ingresso gratuito, si terrà domenica 20 novembre alle ore 18.00 nella Biblioteca di Palazzo Lanza (Capua, corso Gran Priorato di Malta 25) e consisterà in una lezione-spettacolo di Marco Palasciano – integrata dai consueti giochi con coinvolgimento degli astanti, stalvolta anche degli attanti – intitolata "Contenuto. Falso ma reale (dati rigorosi)".

Questo titolo è l'anagramma di quello della puntata n. 8, "Forma. Da sottolinearsi: l'arte è un gioco", che si terrà una settimana dopo a Palazzo Fazio. L'ultima puntata si terrà invece a Palazzo della Gran Guardia.

Il tutto a cura dell'Accademia Palasciania in collaborazione con le associazioni Architempo, Capuanova, Creso cultura e civiltà, il collettivo Komar e la Pro Loco di Capua. Per il programma completo di "Maieuticon", e gli annunci e resoconti delle puntate, vedi palasciania.blogspot.it. Per ulteriori informazioni contattare il 3479575971 o Palasciano in Facebook.