2 ottobre 2017

Un onirico inizio di stagione

Bene, bene! l'edizione di One Hundred Thousand Poets for Change in Terra di Lavoro del 2017, la VII, sarà ricordata come una delle più affollate, e variegate quanto a stimoli intellettuali e spirituali. Per Sogno, poesia e altra ingegneria (nel senso di quell'ingenioso hidalgo), evento inaugurale del XX anno di attività dell'Accademia Palasciania, sabato 30 settembre (qui l'annuncio e la locandina) sono convenute nella sede della Libreria Spartaco circa cinquanta persone, sedici delle quali si sono presentate al leggio.

Nella prima parte si sono susseguiti gli interventi lunghi, quelli dei sei poeti dell'Accademia (fra parentesi le edizioni precedenti cui ciascuno partecipò):
1. Salvatore D’Angelo (IV)
2. Nadia Marino (II)
3. Roberto Cocchis (IV, V, VI)
4. Michele Ruotolo
5. Sossio Bencivenga
6. Daniele Ventre (I, II)
Marco Palasciano e i suoi sei amici poeti protagonisti di Sogno, poesia e altra
ingegneria
nelle foto di Gianfranco Corradini: a sinistra, dall'alto: Palasciano,
Marino, Ruotolo, Bencivenga; a destra: D'Angelo, Ventre, Cocchis, la libreria.

(Cliccare qui per le schede biografiche dei poeti sopradetti.)

Nella seconda parte vi sono stati gli interventi brevi di altri dieci poeti e/o performer, senza distinzione tra professionisti e dilettanti:
7. Sabatina Napolitano
8. Francesca Saladino
9. Fabiana Gagliardi
10. [Nome non in programma, non segnato e ahimè obliato]
11. Fabiola D'Aco
12. Angelo Veltre
13. Teresa Iodice
14. Maria De Sipio
15. Michele Aiezza
16. Marco Palasciano
Quest'ultimo ha inoltre condotto la serata e presentato il programma di Oniricon. Presenti anche i Vicepresidenti onorari dell'Accademia Palasciania, Angelo Maisto e Margot Tafuri, ai quali è dedicato il sonetto in doppi settenari declamato a chiusa di Sogno, poesia e altra ingegneria dal nostro Presidente: Quattordici versi di quattordici sillabe per il quattordicesimo anniversario della nostra conoscenza.

All'Accademia, per l'occasione, sono stati donati due libri di poesie: Elegia di Daniele Ventre, una cui presentazione si terrà il 13 ottobre alla Casa delle Arti di Succivo, e Trilogia delle ore di Emiliano D'Angelo.


Una ricca documentazione fotografica dell'evento, a opera di Gianfranco Corradini, è visibile in Facebook sulla pagina di Corradini Fotografi.

Prossimo, anzi remoto, appuntamento con One Hundred Thousand Poets for Change: sabato 29 settembre 2018, in sede da definire. Ecco intanto l'elenco completo delle edizioni in Terra di Lavoro finora organizzate dall'Accademia Palasciania, con i link ai resoconti o annunci di quelle precedenti l'ultima (cliccare sui rispettivi anni fra parentesi):

I. S’i’ fossi poeta cangerei ’l mondo. Una serata tra poesia e utopia (2011)
II. I libri cambiano il mondo. Nuova serata di poesia e utopia (2012)
III. Tanto per cambiare. Uno, Nessuno e centomila poeti (2013)
IV. Fiori da una terra avvelenata. Centomila poesie contro il biocidio (2014)
V. Mille colori, stessi valori. Poesia, rap e sogni di un mondo migliore (2015)
VI. Il paese dal sole-fata (ovvero, anagrammando, La festa della poesia) (2016)
VII. Sogno, poesia e altra ingegneria (nel senso di quell’ingenioso hidalgo) (2017)

Nessun commento:

Posta un commento