:) A breve pubblicheremo il calendario del XII festival-laboratorio!

24 settembre 2015

Portate i vostri versi preferiti!

A inaugurazione del suo XVIII «anno accademico di nulla accademia», l'Accademia Palasciania per il quinto anno consecutivo organizza l'edizione di Terra di Lavoro di 100TPC, stavolta in collaborazione con il collettivo Komar, sorto da solo pochi mesi ma che già aduna in sé la meglio gioventù capuana. L'evento gode inoltre del patrocinio del festival Capua il Luogo della Lingua, trovandoci a Palazzo Lanza. Dove, otto giorni dopo, si terrà la prima puntata di un altro festival: Le 77 meraviglie dell'Ottocento palascianiano. Evoè!


Capua il Luogo della Lingua Festival
presenta la 5a edizione locale dell’evento globale
a cura di Accademia Palasciania e collettivo Komar

MILLE COLORI
STESSI VALORI
POESIA, RAP E SOGNI DI UN MONDO MIGLIORE

Palazzo Lanza
(Capua, corso Gran Priorato di Malta 25)
sabato 26 settembre
ore 17.55
INGRESSO LIBERO


Piú di 500 città del mondo, tra cui Capua per il casertano, il primo sabato di autunno saranno unite da una grande festa: la 5a edizione di One Hundred Thousand Poets for Change (100.000 poeti per il cambiamento).

Nella prima parte dell’evento capuano si alterneranno le letture di Marco Palasciano e il rap di DirtyGun coadiuvato da DB, MegaJack, SlyRec e Yo-J. Flow e versi “accademici” si fronteggeranno e si fonderanno a ricordare come un unico filo cristallino attraversi la storia millenaria della parola poetica, da Omero a Emily Dickinson e dalla lirica trobadorica all’hip hop.

Nella seconda parte si avvicenderanno sul palco tutti coloro che lo desidereranno: non solo autori e performer professionisti, ma chiunque sia presente. Portate una o piú poesie, vostre o dei vostri poeti preferiti, e potrete declamarle o farle declamare.

Inoltre chi fa parte di associazioni senza scopo di lucro, gruppi di volontariato ecc. potrà accennare alle relative attività in programma per i prossimi mesi. Mille colori, stessi valori vuol essere infatti soprattutto un’occasione per far conoscere fra loro delle persone accomunate dal sognare un mondo migliore e dall’operare attivamente per realizzare quei sogni con il loro veicolare arte e cultura o lottare contro disastro ambientale, degrado urbano, ingiustizia sociale, disabilità, razzismo, omofobia, omertà, violenze sugli animali (umani inclusi) ecc.

Nessun commento:

Posta un commento